Vivibanca recensioni conti e carte: cosa offre davvero

Tra le gli istituti  di credito new entry nel panorama nazionale troviamo anche Vivbanca fondata nel 2017.  Non stiamo comunque parlando di una società senza storia visto che Vivibanca sorge da una fusione di due istituti di credito attivi in Italia da molti anni e cioè:

  • Terfinance (attiva da oltre trent’anni);
  • Credito Salernitano.

A prescindere dalle opinioni personali stiamo parlando tra le altre cose di una banca molto solida visto che le agenzie Moody’s, DBRS e Scope le hanno assegnato rating più che lusinghiere e precisamente: Aa3 – A – AA.

La struttura è suddivisa in 2 Filiali, più di 80 Agenzie in attività finanziaria sul territorio nazionale oltre a circa 2.500 Sportelli bancari convenzionati.

Passiamo ora ad analizzare la sezione dedicata ai conti ed alle carte, ricordando che questo istituto di credito offre anche un’interessante sezione dedicata ai prestiti ed ai finanziamenti (la cessione del quinto in primis).

La raccolta del risparmio

I servizi di raccolta e gestione del risparmio vengono proposti da ViViBanca a partire dal 2018. Nel particolare abbiamo:

  • conti correnti;
  • conti deposito on line;
  • carte di pagamento.

Conti correnti Vivibanca

Qui troviamo varie soluzioni compreso il conto corrente di base, disponibile anche nella versione senza canone per i pensionati (reddito fino a 18 mila euro) e per chi ha un Isee annuo basso (inferiore a 11.600 euro). Ciò che accomuna i conti di ViViBanca sono alcuni servizi sempre presenti tra cui:

  • gestione in remoto grazie all’internet banking MITO;
  • prelievi Atm gratuiti in Italia su qualsiasi ATM;
  • gestione sicura e completa da app;
  • accesso ad ATM evoluti per effettuare anche pagamenti, bonifici o per depositare;
  • ampia disponibilità di varie carte di credito.

Carte di pagamento Vivibanca

Nella sezione delle carte di pagamento troviamo la carta di debito, la prepagata evoluta e le carte di credito. Nel particolare al 28 maggio 2020 abbiamo (Fonte: sito ufficiale ViViBanca):

ViViPay

Una carta conto che funziona sul circuito Mastercard, quindi può essere usata anche all’estero. Ricaricabile e dotata di Iban, permette di effettuare varie operazioni compresi bonifici, pagamento di tasse e F24 (vedi anche la nostra recensione di Hype Premium).

Prevede un canone mensile di 4€ che include quasi tutte le operazioni, estratto conto online ed i prelievi in Italia e zona Ue (extra Ue sarà invece dovuta una commissione di 3,5 euro a prelievo).

Il costo per il blocco della carta è di 4 euro mentre non è prevista una commissione di rilascio o emissione dopo la richiesta. Per le ricariche non si hanno costi se si procede con un bonifico o accredito in entrata, mentre se si utilizza il canale Sisal il costo è di 3 euro (commissione fissa);

Carta di Debito

Disponibile nella versione Nazionale e Internazionale, necessita di un conto ViViBanca. La versione Nazionale prevede un costo annuo di 10 euro.

Il prelievo extra banche convenzionate ha un costo di 2 euro. I massimali sono standard: 1500 euro mensili di prelievo e di spesa, 250 euro al giorno per i soli prelievi mentre per gli acquisti è sempre di 1500 euro (mensile e giornaliero coincidono).

La versione Internazionale invece ha un costo annuo di 24 euro, garantisce la gratuità dei prelievi in Italia e prevede massimali più elevati che sono pari a 3000 euro di prelievi al mese, mentre per il prelievo al giorno la somma massima è di 500 euro.

Per quanto riguarda la spesa il massimale può arrivare fino a 7mila euro al mese, mentre il limite giornaliero è di 3mila euro.

Carte di credito

Ci sono le versioni per privati e quella per le aziende. Per i privati possiamo trovare la versione standard Nexi, alla quale si aggiungono la Prestige e la Excellence (anche nella versione cobranded). I costi variano a seconda della tipologia di carta scelta, partendo dai 50 euro di canone annuo per la standard Nexi, passando per i 150 euro annui della Prestige fino ad arrivare ai 300 euro della Excellence. Detto questo possono essere applicati costi diversi a seconda dei contratti e servizi che si hanno con ViViBanca.

Conto deposito Vivibanca

Per la raccolta del risparmio troviamo sia il Time deposit che il conto deposito vero e proprio, che a sua volta è disponibile nelle versioni con o senza vincolo. Il conto deposito libero oggi prevede un tasso dello 0,10% lordo (vedi anche conto deposito business).

Chi vuole interessi più elevati può optare per le versioni con vincolo, che rientrano nella gamma ViViConto disponibile in tre modalità (Fonte sito ufficiale ViViBanca al 2 maggio 2020):

  • Flex: è senza vincolo e tasso allo 0,5% (2 maggio 2020);
  • on line a termine svincolabile denominato Plus che prevede i seguenti vincoli a scelta:
periodo vincolo tasso lordo
6 mesi 0,60%
12 mesi 0,75%
18 mesi 0,85%
24 mesi 1,10%
30 mesi 1,20%
36 mesi 1,50%
42 mesi 1,60%
48 mesi 1,70%
54 mesi 1,80%
60 mesi 1,90%
  • on line a termine non svincolabile denominato Extra:
periodo vincolo tasso lordo
6 mesi 0,75%
12 mesi 1,25%
18 mesi 1,40%
24 mesi 1,50%
30 mesi 1,70%
36 mesi 1,80%
42 mesi 1,90%
48 mesi 2,00%
54 mesi 2,10%
60 mesi 2,20%


Per maggiori info ecco il link alla pagina ufficiale dei contatti: https://vivibanca.it/contatti.php.

Carta conto del mese

La carta conto del mese è Hype. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione base Hype non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai al sito ufficiale cliccando questo link mentre per leggere la nostra recensione il link è: https://www.carteconto.org/carta-hype/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *