Soldo card recensioni: le ultime novità 2019

Le Soldo card sono tutte Mastercard prepagate, collegate a un solo conto aziendale, adatte a tutti i tipi di aziende, ditte individuali e associazioni No profit (che ottengono anche un risparmio sui costi).

Tra le ultime Soldo card nate troviamo la Soldo drive, una carta carburante, compatibile fin dalla nascita con il sistema di fatturazione elettronica, ma con in più la libertà di poterla usare presso qualsiasi stazione di servizio.

Soldo card anche a costo zero

Il sistema dei conti Soldo Ltd è stato recentemente rivisto, con una riorganizzazione sul piano dei costi.

A differenza di altre società o istituti di pagamento, il costo mensile che viene pagato come canone sul conto non è determinato dal tipo di carta prepagata associata al conto stesso.

Un esempio in questo senso lo troviamo con N26 con le due tipologie di carte per il business (ovvero la standard e la Black).

Nel caso di una Soldo card il costo dipende dalla “dimensione del conto” e dalla tipologia scelta, costituita dal classico conto Premium e dal più recente Soldo Pro (scopri le migliori carte aziendali).

Soldo card costi di gestione ed emissione

A seconda del tipo di conto saranno compresi un certo numero di carte Soldo, e una determinata gamma di servizi. Vediamo quindi le caratteristiche dei vari conti, e i costi associati alle Soldo card:

Soldo Start (non più presente) Soldo Pro Soldo Premium
Canone mensile per carta 0€ 3€ (anziché 4€) 7€
Valuta disponibile per la carta euro euro, dollari USD, sterline GPB euro, dollari USD, sterline GPB
Gestione multi conto con un solo account e un solo login
Estratto conto mensile standard standard standard e avanzato
Trasferimenti gratis da conto Soldo alle varie Soldo card
Integrazione CSV con software di contabilità usato no
App per allegare le ricevute no
Gestione spese carburante e possibilità di aggiungere la carta carburante Soldo Drive no no

Per quanto riguarda i costi di emissione si pagano 5 euro una tantum per la carta fisica, e 1 euro per quella virtuale (il discorso vale anche per la Soldo Drive a 5€).

Se si ha bisogno di un numero maggiore di 30 Soldo card si può contattare la Soldo Ltd così da avere un prodotto personalizzato in funzione delle proprie necessità.

Costi di ricarica e trasferimenti

Una voce di spesa che non può essere trascurata nelle carte prepagate è quella dei costi di “ricarica” per fornire le carte delle somme necessarie per fare pagamenti e prelievi.

Nel caso di tutte le Soldo card la politica dei costi di ricarica è limpida e soprattutto a costo zero compresa la Drive. Basta infatti usare il conto Soldo associato alle carte (vedi la recensione completa).

Questo a sua volta può essere ricaricato senza alcuna commissione con Soldo con bonifico mentre per la soluzione in contanti tramite un punto SisalPay (possibile per i liberi professionisti) sarà applicata la commissione da parte di Sisal di 2 euro.

Ribadiamo ancora: tutti i trasferimenti dal conto Soldo (qualsiasi sia, da Start a Premium o Pro) a qualsiasi Soldo card (comprese le carte carburante Soldo Drive), sono istantanei e sempre gratuiti.

Soldo card: costi di utilizzo

Qualsiasi Soldo card, che sia fisica o virtuale non è soggetta a commissioni nel momento in cui si usa per fare i pagamenti. Se viene usata per fare pagamenti in valuta diversa da quella con la quale è stata emessa, allora è soggetta a una commissione dell’1% del transato.

Infine, nel caso in cui si facciano prelievi, il costo è di 1€ (oppure 1$ o 1£) se la valuta di prelievo è la stessa di quella della carta (ad esempio Soldo card in euro e prelievo in euro). Di contro tale commissione sarà 2€ (2$ o 2£) se la valuta della carta è diversa da quella prelevata (ad esempio prelievo in euro per una carta con valuta dollari o sterline).

Conclusioni

Le Soldo card consentono un controllo della spesa puntuale, sollevano i dipendenti dai rischi di perdere fatture e scontrini e non vedersi rimborsate le spese aziendali (leggi qua le caratteristiche della soluzione per le grandi aziende).

Non solo permettono la massima personalizzazione anche sui plafond o sulle zone (con la geolocalizzazione) in cui possono essere usate.

Inoltre la nuova formula con tre tipi di “conto” permette di trovare la soluzione più adatta alle proprie necessità, sia nel caso di lavoratori autonomi, liberi professionisti, piccole aziende o di dimensioni più grandi.

Infine c’è anche l’aspetto riservato alle No Profit che ottengono uno sconto sui costi applicati del 30%.

Carta conto del mese

La carta conto del mese è N26. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione Standard N26 non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai all'Home Page mentre per leggere la nostra recensione il link è: N26 Black

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *