Conti deposito 2018: le 3 proposte migliori

Per definizione un conto deposito è un rapporto bancario che offre una certa remunerazione. Quando si va alla ricerca dei migliori conti deposito 2018 ci si concentra quasi esclusivamente sulla sfera dei tassi che le varie banche applicano alle proprie offerte.

Ma questo tipo di comportamento è giusto o sbagliato? Vediamolo insieme.

Conti deposito 2018: elementi essenziali per la scelta

Innanzitutto è necessario domandarsi quali sono gli aspetti sui quali concentrare la propria attenzione. Per quanto riguarda gli interessi stessi, oltre a considerare l’importo che la banca è disposta a riconoscere, bisogna andare a guardare con attenzione se:

  • il tasso annuo è a 360 oppure a 365 giorni;
  • si usa la formula degli interessi anticipati (poco frequente) o quella degli interessi posticipati (più usuale);
  • il tasso indicato nelle offerte è solo quello lordo oppure è riportato anche quello netto.


E’ inoltre necessario valutare il rapporto tra il tasso applicato e la durata del vincolo (se si tratta di conto deposito vincolato) e l’eventuale presenza dei tassi premiali (sempre più frequenti).

Si tratta di condizioni di favore che sono riservate ai nuovi clienti, oppure ai già clienti che siano in grado di portare della nuova liquidità.

Sicuramente, se le condizioni collegate al riconoscimento di questi tassi non sono troppo complicate da mantenere nel tempo, quando proposti, possono rappresentare un’occasione quanto meno da valutare.

Conti deposito 2018: esempi di conti

Prendiamo come esempio alcuni conti deposito offerti da varie banche, così da comprendere meglio le nette differenze che si possono verificare su un prodotto apparentemente ‘standard’ come il conto deposito.

Conto Deposito Che Banca

Il Conto Deposito di Che Banca presenta un aspetto interessante nel panorama dei conti deposito online: la liquidazione anticipata degli interessi maturati sul conto deposito vincolato, indipendentemente dalla durata scelta.

Quindi sia che si scelga il vincolo a 3 mesi che quello a 12 mesi, i titolari del conto deposito CheBanca otterranno l’ammontare degli interessi al netto delle imposte direttamente accreditati al momento del vincolo.

Banner conto deposito 728X90

Condizioni del vincolo

Si può scegliere una durata del vincolo da 3 mesi, 6 mesi oppure 12 mesi. Per ciascuna durata è previsto un tasso di interesse crescente con l’aumentare il vincolo stesso. Nel particolare avremo:

  • 0,25% a 3 mesi;
  • 0,30% a 6 mesi;
  • 0,40% per 12 mesi.

In più per chi sceglie il vincolo a 6 mesi e porta nuova liquidità in Che Banca (anche nuovi clienti) verrà applicato un tasso promozionale dell’1%.

Se si svincolano in via anticipata le somme c’è l’applicazione del tasso del conto libero, ma essendo già stata liquidata la somma relativa al vincolo, si liquiderà la differenza tra il capitale vincolato più la somma di interessi relativi al conto deposito libero, con la somma liquidata in via anticipata del tasso relativo al vincolo stesso.

Condizioni conto deposito libero e costi

Il conto deposito non ha alcun costo di apertura, chiusura o gestione. Per il conto libero il tasso è dello 0,25%.

Conclusioni: Il conto deposito CheBanca presenta due aspetti che possono risultare interessanti, quali la liquidazione anticipata degli interessi per il deposito vincolato (quindi appena si fa il vincolo e non alla scadenza) e una certa frequenza nelle promozioni che possono essere fruite anche dai già clienti. Tra queste ricordiamo ancora una volta quella del tasso all’1% per vincoli a 6 mesi sulla nuova liquidità portata sul conto.

Conti deposito 2018: la proposta di Ing Direct

Anche il conto deposito di Ing Direct punta sul tasso premiale ma pone una serie di condizioni più nette. Per prima cosa al 25 marzo 2018 (e almeno fino al 14 aprile 2018 data in cui la promo si dovrebbe chiudere) il tasso premiale per chi porta nuova liquidità e sceglie di vincolare le somme a 6 mesi è del 2%.

Tuttavia alla scadenza del vincolo si dovranno verificare una serie di condizioni per poter ottenere la liquidazione degli interessi a questo tasso. Nel particolare sarà necessario:

  • avere un conto corrente Arancio attivo (la titolarità del conto Arancio è condizione obbligatoria anche per poter aderire alla promo);
  • avere l’accredito dello stipendio o della pensione sul conto corrente Arancio, oppure, per i lavoratori autonomi, aver accreditato 1000 euro al mese per i primi tre mesi (che devono provenire da banche extra Ing Direct).

L’opzione per il tasso premiale si applica su somme al massimo pari a 50 mila euro.

Rendimento deposito vincolato Ing Direct: calcolo interessi

Ricapitolando i tassi offerti dal conto deposito Arancio al 25 marzo 2018 avremo:

  • conto deposito libero: 0,10%;
  • vincolo a 12 mesi: 0,5%;
  • vincolo a 24 mesi: 0,6%;
  • vincolo a 36 mesi: 0,7%.

Costi: Il conto deposito è gratis (zero spese di apertura, gestione o chiusura).

Conclusioni: visto le condizioni offerte rappresenta una soluzione da valutare soprattutto se il conto corrente Arancio è (o sarà) il conto principale con cui si gestiscono le proprie finanze.

Conti deposito 2018: la soluzione di Santander

Un istituto di credito che cerca di raccogliere l’attenzione di coloro che vogliono vincoli piuttosto lunghi è Banca Santander (leggi di più qui).

Con IoScelgo non è infatti previsto il vincolo semestrale. Si parte dal tasso dell’1% per vincoli a 12 mesi, per poi salire all’1,1% per quello a 24 mesi fino a 1,20% per i 36 mesi.


Come nel caso di CheBanca anche in caso di svincolo anticipato gli interessi sono comunque corrisposti per l’intero periodo, anche se al tasso base (pari allo 0,50% lordo).

Se si vuole maggiore libertà, potendo usare le somme senza limitazioni, la banca iberica offre IoPosso un conto deposito libero che offre un tasso lordo dello 0,75%.

Costi: come riportato dal foglio informativo al 25 marzo del 2018 sia IoPosso che IoScelgo non presentano né commissioni né spese.

Conclusione: entrambe le soluzioni presentano tassi interessanti anche in riferimento al tasso base del conto vincolato in caso di svincolo anticipato.

Ti piace? Dillo su:

Carta conto del mese

La carta conto del mese è N26. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione Standard N26 non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai all'Home Page mentre per leggere la nostra recensione il link è: N26 Black

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *