Carte conto per protestati: un’alternativa al conto corrente?

Le carte conto per protestati sono una vera alternativa al conto corrente? Sia che si tratti di difficoltà per aziende protestate, che per privati o autonomi, riuscire ad ottenere un conto corrente che non risulti fortemente limitato nell’uso è molto complicato.

La legge non esclude i protestati dall’uso dei conti correnti ma inibisce solo l’uso di alcuni strumenti di pagamento come assegni e carte di credito.

Carte conto per protestati: quali sono le reali possibilità?

Come già accennato l’apertura di un conto corrente per protestati, anche se teoricamente possibile, molto spesso diventa impossibile da realizzare. Per semplificarsi la vita è aperta la possibilità di richiedere carte conto che anche se non specifiche per protestati.

Quando sono complete di internet banking e possiedono quasi tutta l’operatività tipica di un conto corrente, le carte conto per protestati permettono di superare questa difficoltà, senza andare incontro a troppe rinunce.

Carta conto per protestati dedicata oppure generica?

Ci sono delle società che offrono carte prepagate con Iban dedicate ai protestati. Se da una parte garantiscono il loro rilascio anche a chi risulta ancora protestato, di contro i costi che applicano possono essere molto elevati (superano anche qualche centinaio di euro l’anno).

Senza andarsi a cercare delle soluzioni complesse e costose, tra l’altro di nicchia e quindi con poche referenze da poter toccare per mano, basta cercare carte conto con Iban con un buon esercizio di internet banking ed un buon plafond.

Un esempio in questo senso lo troviamo ad esempio con la carta Viabuy, che come specificato dalla stessa società che ne prevede l’emissione (alla quale va fatta la richiesta online) viene rilasciata anche a chi non ha una buona reputazione creditizia in quanto non viene fatto alcun controllo nelle centrali rischi.

Un altro esempio lo troviamo con la carta Soldo, disponibile sia nella versione Family che singola oppure Business. Queste due realtà hanno in comune anche un altro aspetto: rispetto alle varie altre tipologie di carte conto permettono di avere delle carte aggiuntive associate allo stesso conto e ad un solo servizio di internet banking ed iban.

Come scegliere?

Le carte conto con Iban sono aperte anche all’accesso per protestati. Quindi in linea teorica si può contare su una scelta molto ricca di alternative. Il che può rendere più complicato trovare quella adatta alle specifiche esigenze che differiscono da utente ad altro utente.

Sicuramente la sfera dei costi ha una certa importanza ma anche il plafond disponibile e il costo collegati all’uso non vanno assolutamente sottovalutati, diventando ancora più importanti se se ne andrà a fare un uso piuttosto frequente.

Esempi: le quattro migliori carte conto per protestati del 2019

  • Carta Conto IU Banca del Fucino: è una prepagata con Iban ed al costo di 5 euro all’anno offre un servizio completo di internet banking. Non presenta costo di emissione e può essere ricaricata fino a 180000 euro.
  • N26: La proposta della banca teutonica è triplice e per questo va incontro alle necessità dei vari clienti. Come vedremo anche per Hype si parte da una proposta a costo 0 che presenta però alcune limitazioni per poi passare a versioni più performanti ad un costo comunque contenuto.
  • Carta Hype: a costo 0 offre un conto elettronico ed una prepagata. Permette di ricevere e fare bonifici e può essere richiesta totalmente online grazie all’identificazione con selfie. I prelievi ed i pagamento sono sempre gratis anche all’estero (circuito Mastercard). Al costo di 1 euro al mese si può avere la versione plus che presente un operatività molto completa e massimali di sicuro interesse.

  • Viabuy: come già detto rappresenta una delle soluzioni ideali tra le carte conto per protestati. Viene emessa senza controllo di reddito dimostrabile e della solidità finanziaria ed è inviata dopo solo 24 ore dalla richiesta che può essere fatta comodamente online.

Carta conto del mese

La carta conto del mese è N26. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione Standard N26 non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai all'Home Page mentre per leggere la nostra recensione il link è: N26 Black

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *