Carta Hype per minorenni: è davvero gratis?

La carta Hype per minorenni ha caratteristiche simili alla Hype Start ma è stata pensata proprio per chi non ha compiuto ancora 18 anni, ma vuole una carta di pagamento da usare online o nei negozi per:

  • pagare;
  • prelevare contanti;
  • usare i servizi Hype per aiutarsi nella gestione del denaro.

Come la Hype Start non ha un costo fisso, è dotata di Iban e funziona sul circuito Mastercard.

Requisiti per chiedere la carta Hype per minorenni

Il titolare della carta deve essere residente in Italia ed aver compiuto 12 anni. Per aprire il conto associato alla carta si deve fare una semplice registrazione, che coinvolge anche un genitore o un tutore legale (che devono dare il consenso tramite la mail che riceveranno).

Questi ultimi avranno visione gli estratti conto dell’under 18 e sono responsabili dell’uso che il minore farà nella gestione del denaro. La procedura è comunque 100% paperless visto che non si dovrà stampare e inviare nulla di cartaceo, grazie alla firma elettronica.

La gestione da app

Per gestire la carta Hype minorenni si deve aver scaricato l’App Hype (si usano le credenziali create nella registrazione), che permetterà di avere tutto sotto controllo e sfruttare i servizi accessori.

Quando si superano i 18 anni non si dovranno cambiare le credenziali, e nemmeno cambierà l’Iban ma ci sarà l’automatico passaggio a Hype Start. A questo punto si potrà anche decidere di passare a una Hype Next, possibilità non prevista per i minorenni.

Infine i maggiori di 16 anni potranno anche sfruttare, per i pagamento Apple Pay. La carta è compatibile anche con Google Pay.

Carta Hype per minorenni: costo e limiti

Come già detto non c’è un costo fisso (canone). La carta ha un plafond massimo (che è anche annuale per il monte delle ricariche effettuabili) di 2500 euro. La somma massima che permette di prelevare è di 1000 euro.

La ricarica può essere fatta anche con carta o con bonifico. La ricarica massima in un giorno è di 1000 euro con bonifico e 250 euro in caso di carta di pagamento, mentre quella in un mese è di 2500 euro. Si può infine scegliere la ricarica in contanti che ha come limiti:

  • 300 euro in un giorno;
  • 1000 euro in un anno.

N.B. Al massimo per singola ricarica si può fare un importo di 150 euro (quindi un max di 2 ricariche al giorno con importo massimo).

Per quanto riguarda i costi collegati alla ricarica questi sono sempre gratuiti, tranne in caso di ricarica da altra carta ma tramite l’App Hype (costo di 90 centesimi), e per quella in contanti presso i punti abilitati (costo 2,5 euro).

Tra i costi non si considerano i prelievi (gratis) , e i trasferimenti di liquidità (anche i bonifici fatta eccezione di quelli istantanei per i quali la gratuità c’è solo per i primi 10 al mese, poi costano 2 euro).

L’aspetto più ‘esoso’ è quello del tasso di cambio, pari al 3%, che la rende poco interessante se la si vuole usare per i figli che vanno all’estero fuori dalla Ue.

Sicurezza e facilità di gestione

L’app permette un controllo costante e si può migliorare anche con l’attivazione delle notifiche push. I protocolli di sicurezza sono gli stessi applicati per le altre versioni di Hype.

Carta conto del mese

La carta conto del mese è Hype. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione base Hype non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai al sito ufficiale cliccando questo link mentre per leggere la nostra recensione il link è: https://www.carteconto.org/carta-hype/

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *