Bunq Italia Premium, Joint e Business: costi e opinioni

Bunq in Italia? La risposta oggi è assolutamente affermativa. E’ infatti possibile aprire un conto con Bunq se si risiede in Italia con costi ridotti e i numerosi vantaggi sulle varie valute che con questa banca internazionale si possono avere.

Con questa soluzione oltre ai costi bassi si ha soprattutto il vantaggio di un multi conto, con tanti iban quanti sono i conti aperti, ma con un sistema di controllo unico. Il tutto tramite mobile banking.

Bunq: recensioni

Tra l’altro Bunq non è una realtà troppo giovane, vantando già tre anni di vita che hanno permesso alle varie recensioni di seguirne gli sviluppi nel corso del tempo.

Tuttavia al di là delle opinioni e delle recensioni che possono peccare di preferenze personali, ciò che è sicuro è che con Bunq si hanno:

  • un conto “internazionale”;
  • un mobile banking;
  • una carta di pagamento.

Bunq è una banca mobile banking al cento per cento. Quindi l’intera gestione dei conti, delle carte e l’abbinamento o la personalizzazione dei massimali deve sempre passare per l’app. Questa può essere scaricata gratis per sistema Android e iPhone. Anche la richiesta di registrazione per aprire il conto passa per l’app (vedi anche N26 Metal).

Non solo, sempre tramite app, è possibile rimanere aggiornati su ogni transazione effettuata in totale sicurezza grazie alle notifiche push. Sicurezza che viene ulteriormente ampliata grazie alla possibilità di bloccare le card, oltre che di variarne i limiti od ancora cambiarne il pin (il tutto in ‘real time‘!).

Bunq: principali condizioni

Caratteristiche principali

Come appena detto di base ci troviamo davanti ad una ‘concezione’ di mobile banking in modo esclusivo. Questo aspetto diventa subito evidente, già nel momento in cui decidiamo di accettare l’invito alla prova tramite richiesta on line (Vedi qui la pagina dedicata alla versione Premium).

Bunq conti e carte

Pur presentando una proposta ridotta e soprattutto mirata con Bunq si possono aprire due tipologie di conto. Nel particolare abbiamo il:

Per i conti per privati si hanno due ulteriori possibilità. Quella del conto “Joint” e quello “Premium“. Partiamo da quest’ultima soluzione che nei costi del canone comprende ben 25 conti, con differenti valute. Ad ogni conto è associato un iban univoco.

La versione Joint è invece un conto ‘condiviso’ (l’omologo di un conto cointestato delle banche tradizionali). Anche in questo caso potranno essere aperti fino a 25 ‘sottoconti’ con differenti valute, ognuno dei quali potrà essere condiviso oppure no.

Anche per quanto riguarda il conto business il focus è rivolto alla comodità di utilizzo senza diminuire le funzionalità Bunq. Tra queste possiamo ricordare:

  • l’IVA automatica;
  • la scansione delle ricevute oltre che delle fatture;
  • la possibile condivisione dei servizi stessi con i dipendenti, ecc.

Costi

Per il conto business il canone è di 9,99 euro mensili così come per il conto Join mentre la versione premium ha un canone mensile di 7,99 euro.

Ricordiamo che il canone è pressoché onnicomprensivo. Ad esempio nella versione  premium sono compresi,  oltre ai 25 conti, fino a tre carte personalizzabili (stesso discorso per la versione Business). Inoltre sono anche gratuiti:

  • pagamenti (anche Sepa e via SMS);
  • trasferimenti;
  • Apple pay e Google Pay;
  • Tap & Pay;
  • i conti in condivisione con amici e familiari;
  • 10 prelievi su ATM al mese.

I prelievi che non avvengono in euro applicano solo la commissione Mastercard. Poi come costi aggiuntivi facoltativi troviamo:

  • dal conto numero 26 (per ogni conto in più l’aggiunta di 19,99 euro l’uno);
  • oltre le tre carte per ogni carta in più 9 euro;
  • per ogni prelievo oltre ai 10 mensili 99 centesimi l’uno (applicati logicamente anche nel caso dei prelivi effettuati ‘extra Euro’).

Per quanto riguarda il conto Joint le cards comprese diventano 4 mentre gli altri costi rimango quasi del tutto identici.

Carte Bunq

Abbiamo menzionato più volte le carte di pagamento associabili al conto, ma quali sono le alternative e quali i costi?

Al 5 marzo del 2020 le alternative sono 2 e cioè la Travel Card e la Green Card. La prima ha un costo pari a zero e completa con le sue caratteristiche l’anima free di Bunq, rendendola una soluzione ideale per chi viaggia (e non solo).

A questa si affianca la Green Card che propone in pratica tutti i vantaggi della Travel a cui però aggiunge:

  • materiale in metallo;
  • la possibilità di richiederla anche se non si è correntisti Bunq;
  • l’anima Green.

Questa viene fattivamente provata grazie alla piantumazione di un albero ogni 100 euro di transazioni effettuate con la card (che diventano due se la Green Card è collegata ad un account Premium).

Il costo, onnicomprensivo di tutte le funzionalità offerte (sfruttabili anche se non si è correntisti della banca olandese), è pari a 99 euro/anno.

 

Carta conto del mese

La carta conto del mese è Hype. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione base Hype non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai al sito ufficiale cliccando questo link mentre per leggere la nostra recensione il link è: https://www.carteconto.org/carta-hype/

9 comments

    1. Salve Mario. A meno di cambiamenti recenti l’iban è olandese, sfruttando la normativa Ue che parifica gli iban comunitari. Detto questo sul forum ufficiale si legge da fonti Bunq il tentativo di offrire anche iban ‘nazionali’ per facilitare chi si trova davanti a muri burocratici nonostante la suddetta legge.

        1. Salve Fabio. Sul forum ufficiale (o meglio la sezione Togheter) si legge semplicemente: ‘Devi contattare il supporto di bunq tramite: ‘Questioni private’. Se possibile aspettiamo un riscontro da parte tua sulla reale procedura per aiutare al meglio i nostri lettori.

    1. Salve Domenico. Ancora una volta dobbiamo riferirci alla sezione ‘Togheter’ visto che il sito ‘ufficiale’ non aiuta molto. Dal link: https://together.bunq.com/d/6635-what-are-my-daily-limits leggiamo:

      Ti stai chiedendo quali sono i tuoi limiti giornalieri? Controllali tutti sotto:

      PIN e transazioni con carte online

      Personale:

      € 50.000 per carta

      Attività commerciale:

      € 1 milione per carta.

      Puoi impostare questo per carta o scegliere di applicare lo stesso limite a tutte le tue carte.

      Prelievi di contante

      € 500 a carta

      Tieni presente che l’ATM può addebitare la propria commissione di transazione o avere un proprio limite (ad esempio alcuni bancomat nei Paesi Bassi non ti consentono di prelevare più di € 250/300 al giorno).

      Pagamenti senza contatto

      € 25 per transazione.
      € 50 cumulativo.

      Questi non sono limiti giornalieri. Se raggiungi uno dei due limiti in qualsiasi momento, dovrai inserire il tuo pin e il limite verrà ripristinato.

      Pagamenti iDEAL in entrata

      € 10.000 per ogni ricarica e richiesta di ricarica.

      Pagamenti iDEAL in uscita

      Personale:

      € 50.000 in totale.

      Attività commerciale:

      € 50.000 per transazione.
      € 100.000 in totale.

      Pagamenti SOFORT arrivo

      Personale:

      € 250 in totale.

      Attività commerciale:

      € 500 in totale.

      Pagamenti SOFORT uscita

      Personale:

      € 50.000 in totale.

      Attività commerciale:

      € 50.000 per transazione.
      € 100.000 in totale.

      Trasferimenti in uscita (per IBAN )

      Personale:

      € 50.000 in totale.

      Attività commerciale:

      € 50.000 per transazione.
      € 1.000.000 in totale.

      Trasferimenti in entrata

      Senza limiti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *