Acquistare a rate con le carte prepagate: si può?

Acquistare a rate con le carte prepagate è possibile? Per prima cosa bisogna fare una distinzione tra le varie tipologie di carta prepagata, che oggi possono essere:

  • associate a un conto corrente (come nel caso di quelle che possono essere ricaricate solo tramite giroconto da un conto collegato);
  • collegate ad un conto online gratuito che ne facilità il controllo e l’impiego
  • indipendenti dai conti correnti ed elettronici.

Le ricaricabili inoltre possono non avere alcun Iban, oppure essere carte conto e quindi prevederlo. C’è infatti una bella differenza a seconda che si voglia acquistare a rate con carta prepagata in funzione del tipo che si possiede.

In alcuni casi si possono trovare delle soluzioni “alternative” mentre in altri l’acquisto non è comunque possibile se si vuole farlo in modalità rateizzata. Vediamo di più.

Acquistare a rate con le carte prepagate associate a un conto

Anche se si tratta di una tipologia di carta prepagata che ha un collegamento a monte con un conto, questo tipo di card prevede delle funzionalità basilari.

Il limite della mancata possibilità di alimentare la carta anche con altre tipologie di strumenti non può essere superato, e il collegamento al conto non è utile ai fini della richiesta di una rateizzazione.

Non solo con questo genere di carte trovare delle soluzioni alternative diventa un’impresa. Quindi si può in generale concludere che acquistare a rate con le carte prepagate di questo tipo non sia possibile.

Acquistare a rate con le carte prepagate standard (non associate a un conto)

Qui consideriamo le carte prepagate che non hanno un Iban associato, che non sono limitate dal legame con un conto e che possono essere richieste anche in totale assenza di un conto elettronico o corrente.

Non si tratta di carte dotate di funzione di “credito” quindi direttamente non è possibile fare degli acquisti a rate con esse.

Ma attenzione: grazie alle varie modalità di ricarica (anche in contanti e da parte di terzi), possono essere utilizzate per fare delle ricariche mensili , a costi gestionali spesso molto bassi o addirittura nulli.

Basterà stabilire una sorta di “rata” fissa, così da accumulare il denaro sufficiente per raggiungere il proprio obiettivo, e il target di spesa che ci permetterà di diventare proprietari del bene che desideriamo.

Si tratta di un sistema che richiede un po’ di pianificazione, ma con l’aiuto di regali e contributi di amici e parenti i tempi di attesa possono essere anche ridotti.

Acquistare a rate con le carte prepagate con Iban

Si tratta delle carte conto, quindi carte ricaricabili che funzionano come conti correnti di base. Questo tipo di carta può prevedere la possibilità di utilizzo per il rimborso di rate tramite il sistema SDD (addebito ricorrente) tipico dei finanziamenti.

Se si ha una carta di questo tipo si può richiedere un finanziamento (anche presso l’esercente) e far addebitare le rate sulla carta prepagata purché sia accettata dal sistema di rimborso (ad esempio la carta conto di CheBanca è stata testata in questa funzione e non crea alcun problema).

Alcune carte permettono di ottenere finanziamenti direttamente alla banca che le ha emesse, usandola poi per il rimborso. In questo senso è stata testata la Carta Genius di UniCredit.

Visto il carattere di card ricaricabile delle carte conto vale comunque il discorso fatto per le prepagate senza iban, con l’accumulo di piccoli importi nel corso del tempo. A riguardo in molti casi l’internet banking o l’app collegata alla carta può venire in aiuto dell’utente con sezioni appositamente dedicate.

Esempio pratico

A riguardo un esempio chiarificatore può essere rappresentato da carta Hype che essendo fornita di Iban può ‘comportarsi’ quasi totalmente come un conto corrente.

E’ in più correlato da una sezione Obiettivi che mette da parte automaticamente il denaro in base alle proprie possibilità. E’ sufficiente impostare la cifra che si vuole raggiungere ed in quanto tempo. Sarà lo stesso conto online risparmiare.

Ti piace? Dillo su:

Carta conto del mese

La carta conto del mese è N26. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione Standard N26 non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai all'Home Page mentre per leggere la nostra recensione il link è: N26 Black

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *