24option truffa: scopri tutta la verità!

24option truffa oppure no? Sul web si trovano informazioni discordanti e non può sfuggire a un’analisi più attenta che i vari giudizi possono essere condizionati soprattutto da questioni strettamente personali.

Se per alcuni 24 option è una truffa perché non hanno ottenuti risultati sperati, è necessario precisare che si può parlare di truffa solo basandosi su dati oggettivi. E da questo punto di vista invece 24option non è una truffa essendo:

  • uno dei broker con la più lunga esperienza a livello internazionale;
  • appartenente a una delle più grandi società specializzate nel trading (la Rodeler Limited con sede a Cipro);
  • in possesso delle autorizzazioni necessarie per operare.

Banner 728x90
24option è sotto la vigilanza e il controllo del Cysec e della Consob (rispettivamente con autorizzazioni nr 207 del 2013 e la nr 3853 sempre del 2013).

24option truffa sulle opzioni binarie

Facendo delle ricerche più approfondite ci siamo imbattuti in una serie di commenti e di avvisi che mettevano in guardia sul fatto che se si opera con 24option sulle opzioni binarie si va incontro a una possibile truffa.

Un aspetto che poi non viene provato in nessun modo o supportato da alcun fatto. Purtroppo bisogna fare i conti con gli effetti, a volte intossicanti del Seo, che spingono a sfruttare argomenti semplicemente per ottenere visibilità (come il continuo riferimento al servizio delle Iene oramai datato) .

Tra l’altro, al di là del nome “24option”, non si può nemmeno più creare questo parallelo tra il broker e le opzioni binarie considerato che ormai non si può più fare trading in opzioni binarie con esso, mentre è invece possibile fare trading in forex oppure cfd.

Quindi se si è alla ricerca di un broker in opzioni binarie è ovvio che questo broker non può offrire ciò che si sta cercando, mentre per Forex e Cfd (anche Bitcoin e numerose altre cripto monete) le condizioni sono considerate buone da una ricca fetta di addetti ai lavori.

24option truffa sul conto demo?

Alcuni broker offrono il conto demo senza richiedere alcun deposito. 24option ne è un esempio. Da qualche tempo è infatti sufficiente Registrrsi per accedere al conto demo 24option ed iniziare così a testare la piattaforma ed i servizi offerti.

Il broker richiede poi di versare un deposito minimo di 100 euro per procedere agli investimenti che invece partono da 25 euro.

Per questo si può parlare di truffa? La risposta non può che essere negativa. Se si ‘bazzica’ da un po’ di tempo l’ambiente dei broker, non può sfuggire il fatto che un deposito ‘medio’ andrebbe considerato come un indice di serietà.

Inoltre non significa che i soldi versati non potranno essere prelevati in qualsiasi momento. Anzi questa libertà è rafforzata dal fatto che sui 100 euro di deposito minimo 24option non sono previsti bonus che possono rendere più complicato lo svincolo delle somme effettivamente depositate:

verso 100 euro a titolo di deposito cauzionale e chiedo l’attivazione del conto demo al mio account manager senza dover spendere i 100 euro depositati.

Se mi convinco a investire soldi veri, ok vado avanti, altrimenti posso richiedere indietro i miei soldi senza problemi, blocchi, limiti o penali.

Conclusioni

24 option è una truffa quindi? Assolutamente no. Non a caso questo broker è uno sponsor molto presente soprattutto nel mondo dello sport (sponsor ad esempio della Juventus).

La ferma volontà di rendersi così visibile mettendo la faccia in ambienti molto popolari rende manifesta la chiara volontà di operare e di farlo in modo serio e sicuro, seguendo le regole del sistema.

Detto questo gli investimenti rappresentano sempre un rischio soprattutto se ci avvicina con leggerezza e scarsa preparazione. Un aspetto a cui 24option non fa logicamente eccezione.

24option truffa: alternative

Cosa fare in alternativa? Il mercato degli investimenti ci fornisce numerose soluzioni che vanno da quelle più sicure come i conti deposito fino alla possibilità di rivolgersi a professionisti.

In quest’ottica possiamo menzionare Moneyfarm attiva sul mercato nazionale fin dal 2011 ed in grado di ottenere riconoscimenti continui negli ultimi anni.

Carta conto del mese

La carta conto del mese è N26. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione Standard N26 non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai all'Home Page mentre per leggere la nostra recensione il link è: N26 Black

One comment

  1. Mi sono iscritta per l’attivazione di un account demo richiesto ad un corso, non sono mai riuscita ad utilizzarlo e alla richiesta di restituzione dei 250€ con raccomandata inviata entro i termini di legge per il recesso, la lentezza e la poca chiarezza sono diventate il loro sistema. Il risultato è stato che mi hanno FREGATO 80 EURO!
    Questa è SCORRETTEZZA

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *