Inviare soldi Postepay: le 4 alternative

Il modo più semplice di inviare soldi Postepay, ovvero a una Postepay, cambiano a seconda che si abbia una Postepay standard oppure Evolution quindi dotata di Iban (vedi la recensione qui).

In questo secondo caso infatti è sufficiente usare l’Iban con un bonifico per far arrivare la somma sulla Postepay evolution, nei tempi di un normale bonifico, a meno che non si tratti di Postepay su Postepay.

Nel caso di bisogno di inviare soldi su Postepay standard, il sistema prevede invece quattro possibilità:

  • trasferimento da ufficio postale;
  • invio denaro da Sisalpay;
  • online essendo registrati sul sito postepay.it (vedi anche credito online Postepay);
  • trasferimento da Atm.

Quest’ultima opzione è percorribile solo se si ha una carta abilitata a questo servizio (informazione che si può avere solo dalla propria banca), oppure nel caso dei possessori di una postamat o altra Postepay.

Amazon ContoAdessoV2 728 x 90

Inviare soldi Postepay: cosa serve

In ogni caso per poter disporre il trasferimento bisogna avere il numero della postepay e il codice fiscale del titolare. Ancor più precisamente come informazioni andranno inserite:

  • il codice fiscale del titolare Postepay;
  • il numero della Postepay;
  • la somma che si vuole tarsferire;
  • il proprio codice postale.

Questa informazione può essere omessa quando c’è il riconoscimento della persona che va a inviare i soldi su postepay tramite pin del bancomat o sistema simile.

Inviare soldi Postepay online da conto

Se si è deciso di inviare soldi online ad una Postepay Evolution, come già detto, è possibile utilizzare un conto corrente o un conto elettronico abilitato. Generalmente è un’operazione permessa da una buona parte di conti e di banche, ma non mancano i casi in cui la procedura non è prevista.

Tra i conti abilitati a fare questa tipologia di trasferimento troviamo anche Paypal, andando nella sezione del “trasferimenti” e invia denaro.

Ribadiamo che la procedura non presenta problemi per la versione Evolution proprio grazie alla presenza dell’Iban. Non solo, permette di poter ottenere il denaro senza sostenere il costo di ricarica (come nel caso di una ricarica tramite accredito o bonifico in entrata).

Inviare soldi Postepay: in caso di truffa?

Può succedere che si riceva l’invito a inviare soldi su Postepay per acquistare un prodotto e che poi questo non venga spedito.

Se si subisce una truffa legata ad una ricarica Postepay bisogna fare subito la denuncia anche se l’iter per cercare di recuperare i soldi non è breve, e spesso non si ottiene la restituzione della somma interamente spesa.

Comunque bisogna sempre tenere conservata la ricevuta che viene rilasciata al momento dell’operazione. Questo permette infatti di dimostrare il giorno, la somma e il nominativo di chi ha fatto l’invio.

Ti piace? Dillo su:

Carta conto del mese

La carta conto del mese è N26. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione Standard N26 non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai all'Home Page mentre per leggere la nostra recensione il link è: N26 Black

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *