Carta prepagata per associazioni: Ubi Banca o Banca Etica?

La Postepay è una carta prepagata per associazioni soprattutto no profit. Tuttavia manca della specificità necessaria che questo strumento dovrebbe avere, primo fra tutti l’assenza di una funzione di vera e propria card associativa, e di conseguenza di vantaggi dedicati.

Non a caso spesso capita di vedere nelle proposte online di associazione, che bisogna inviare il pagamento del contributo annuale a una Postepay intestata a una persona fisica referente dell’associazione, ma non all’associazione stessa (vedi anche come controllare online il credito Postepay). Vediamo quindi quali sono le proposte più dedicate.

Carta prepagata per associazioni: condizioni e caratteristiche principali

Di norma una carta prepagata per associazioni no profit deve garantire dei vantaggi, che spesso sono fruibili tramite un sistema di sconti presso esercizi convenzionati, accessi a eventi ecc. Non a caso la condizione di carta anche associativa diventa fondamentale.

In questa ottica sono nate due tipologie di carta prepagata proprio per associazioni appartenente al terzo settore, oppure chiaramente dichiarate come onlus o no profit. Tra le proposte più attive troviamo in particolare quella di Banca Etica e di Ubi Banca.

Carta prepagata per associazioni no profit la Evo di Banca Etica

La carta conto prepagata Ricarica EVO, è una ricaricabile alla quale è associato un Iban. Per questo può essere usata per fare accrediti e addebiti, pagamenti di bonifici permanenti e rid oltre che ottenere il pagamento delle quote associative, oppure donazioni, e pagare le utenze.

La card può essere usata anche per fare prelievi, acquisti, anche online. Si tratta infatti di una carta conto che può sopperire interamente all’apertura di un conto corrente se si è un’associazione no profit. Può essere richiesta dalle associazioni che non sono titolari di partita Iva. Come condizioni economiche troviamo:

  • costo una tantum di emissione: 5 euro;
  • costo mensile: 1 euro azzerato con una giacenza media mensile di 1000 euro.

Come limite della Ricarica Evo troviamo il numero di rilascio, dato che per organizzazione è pari a 2.


Carta prepagata per associazioni di Ubi Banca

Anche Ubi Banca prevede la possibilità di rilasciare una carta prepagata per associazioni. In questo caso la carta è già pensata per soci ed associati ed è anche personalizzabile con il logo dell’associazione stessa.


Infatti non si tratta semplicemente di una carta prepagata con Iban utilizzabile per gestire al meglio le entrate e le uscite della propria associazione, ma di una vera e propria card associativa che ha in più:

  • la funzione di carta di pagamento;
  • la possibilità di accedere ai vantaggi e ai negozi o partner convenzionati per i soci.

Come plus, Ubi Banca prevede inoltre la possibilità di poter rinunciare a una parte dei ricavi legati alla Enjoy per comunità e associazioni, per finanziare l’associazione stessa. Inoltre non è previsto un limite per l’emissione, le condizioni economiche sono quelle delle Enjoy tradizionale.

Ti piace? Dillo su:

Carta conto del mese

La carta conto del mese è N26. La scelta è dovuta soprattutto alle recenti novità introdotte tra cui l'adesione, tra le prime in Italia, a Google Pay. Ricordiamo che nella sua versione Standard N26 non ha nessun costo e permette di ricevere e fare bonifici, pagare gratuitamente online e con Pos, prelevare gratis in Euro da tutti gli ATM. Per maggiori info e per aprirla vai all'Home Page mentre per leggere la nostra recensione il link è: N26 Black

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *